FACCIO IO!

Pane fatto a mano

Pane fatto a mano Share this post

Il pane fatto a mano sembra essere diventato una delle occupazioni principali in questo periodo o, per meglio dire, periodaccio.

Sono tantissime le persone che mi stanno chiedendo, su Facebook, su Messenger, in privato, tramite chat, dei consigli per realizzarlo. E io sono ben felice di dare dei suggerimenti, per quello che posso. La difficoltà maggiore, dalle mie parti, sta nel reperire lievito e farina di un certo tipo. Difficoltà che ovviamente ho trovato anche io. Se negli ultimi mesi avevo utilizzato molto il lievito “Mastro fornaio” e per mancanza di tempo avevo solo rinfrescato il mio meraviglioso lievito madre, da venti giorni sono tornata a sfornare pagnotte proprio con quel lievito che, in 6 anni, non mi ha mai tradita una volta.

Da lui sono nati dei “bambini”. Nel senso che ne ho prodotto tantissimo per darlo a chi me lo chiedeva. Ciò è avvenuto fino a un paio di settimane fa. Oggi, purtroppo, non posso più farlo poiché sono chiusa in casa. Però sono felice che altre persone stiano producendo pane fatto in casa con i “figli” del mio lievito madre e che in futuro magari lo potranno fare altre che si sono appassionate all’handmade bread come me.

Questione farina

Il pane fatto a mano deve essere prodotto con una farina non 00. Questa, per lo meno, è la mia vision della situazione. Già si fa fatica, se devo farlo con la 00 lascio proprio perdere.

Amo la farina 1 di Petra, che ordino tramite il loro sito. Preciso che non sto facendo pubblicità a nessuno, anche perché nemmeno lo sanno che sto scrivendo questo articolo per il mio blog. E’ che quando la uso il mio pane ha un sapore…speciale. Oggi però mi devo adattare e prendo ciò che trovo al supermercato con risultati comunque pienamente soddisfacenti. Cosa sto usando? Tutte le marche e tutte le farine che trovo e che miscelo. Sicuramente acquisto molto l’integrale, che miscelo con altre farine. Ad esempio su 500 gr di farina metto 300 gr di integrale, 200 gr di Manitoba o 00, Queste ultime due rientrano tra i prodotti ai quali mi sono dovuta adattare. Non le amo ma le uso e, vi assicuro, che unite all’integrale danno un pane buonissimo. Quello che vedete qui sotto è fatto proprio in questo modo. La foto si riferisce al precottura (abbiamo appena finito la seconda lievitazione)

Pane fatto a mano

Altre proporzioni: 200 di integrale, 200 di Manitoba, 100 di 00. Sto provando varie soluzioni e devo dire che sono sempre rimasta soddisfatta. La quantità di acqua che metto è sempre la stessa, 325 gr.

Riassumendo

  • 500 gr di farina (in totale)
  • 100/110 gr di lievito madre (1 bustina di lievito Mastro fornaio se lo trovate)
  • 325 gr acqua
  • 1 cucchiaino di miele o malto
  • impastare tutto insieme
  • quando i liquidi si sono assorbiti aggiungere il sale

Per quanto riguarda quest’ultimo punto…beh…io devo mangiare sciapo per cui, come si dice, salto…

Nella foto sotto vedete lo stesso pane della fotografia precedente ma dopo la cottura.

Pane fatto a mano

E per finire…qualche link degli articoli che in precedenza avevo scritto su questo argomento. Qui troverete anche il procedimento.

3 comments

g many Giugno 20, 2020 Rispondi

I constantly emailed this blog post page to all my contacts, as if
like to read it then my contacts will too.

could g Giugno 21, 2020 Rispondi

Outstanding story there. What occurred after? Good luck!

even g Giugno 21, 2020 Rispondi

Wow, superb blog layout! How long have you been blogging for?
you made blogging look easy. The overall look of
your web site is magnificent, let alone the content!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Related stories

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: