Uncategorized

Handmade: cappello “gatto”

Share this post

Vi piace questo cappellino? L’ho realizzato io dopo aver fatto le solite spese nel mio negozio di fiducia. Ho seguito passo passo quanto mi ha detto la proprietaria e devo ammettere che è stato facilissimo. Tutto stava restare fedeli alle indicazioni contenute nella rivista che mi ha dato insieme al materiale. Ero un po’ spaventata perché erano previste ovviamente delle cuciture che, comunque, si sono rivelate una sciocchezza. Ma ero spaventata anche perché, per la prima volta, avrei dovuto non inventare ma seguire uno schema predefinito. 

Occorrente:

  • Ferri n.8 
  • 1 gomitolo di lana Polar
  • Ago da lana
  • 1 righello/metro

Al lavoro  

Tutto è iniziato così. Eccomi al lavoro su questo capo pelosissimo. Metto su 38 maglie su ferri numero 8 e procedo per 15 centimetri in altezza a maglia rasata. Per chi non lo sapesse si tratta del punto più semplice che esista. La difficoltà, per quanto riguarda questo cappello, non è data dalla lavorazione bensì dal tipo di materiale utilizzato. Se perdi un punto sei finito. E, infatti, la prima volta pur avendo quasi finito ho dovuto disfare tutto proprio dopo aver perso un punto.  

 

Righello alla mano conto 15 cm. A questo punto invece di tirar dritta inizio le calature. Sul primo ferro a dritto lavoro sette maglie singole e due insieme e vado avanti così, ripetendo l’operazione fino alla fine del ferro, dove mi restano due maglie. Dal secondo al sesto procedo senza più calare. Al settimo ho una nuova diminuzione: 6 maglie singole e due insieme fino a fine ferro, con due che avanzano. Procedo poi dall’ottavo al decimo senza calare. All’undicesimo altra diminuzione: 5 maglie singole, due insieme, ripeto e ne restano due. Dal dodicesimo al quattordicesimo nessuna diminuzione. Arriviamo così al ferro 15. A questo punto taglio il filo molto lungo e inserisco un ago da lana molto grande recuperando tutte le maglie. Tiro e fisso. Cucio i due lati e il gioco è fatto. Il nostro cappellino è pronto per essere indossato. Se volete potete adornarlo con un bel pon pon.  

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Related stories

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: