EVENTI

Romics tra Diabolik e Topolino: le mostre

Share this post

Ormai per me Romics è un appuntamento fisso. Due volte l’anno, puntualissima, sono lì alla Fiera di Roma, in occasione della mostra del fumetto. Stavolta mi sono concentrata su due cose: la ricerca di alcuni fumetti in particolare, ovvero “Le storie” di Sergio Bonelli di cui vi parlerò in un altro articolo, “Geppo” e “Candy Candy”; l’altro obiettivo che avevo era visitare alcune mostre allestite e che mi interessavano particolarmente. E così ho fatto. 

Mi sono avventurata come sempre tra cosplay, youtuber, stand fornitissimi e persone di ogni età che, a Romics, hanno obiettivi differenti per venire. Ho sentito ragazzine urlanti per Sergix, impegnato a giocare a Fifa, per poi dedicarmi a raggiungere i miei “traguardi” del giorno.

Nella foto la partita a Fifa tra Sergix e Andrex

 

E così mi sono messa alla caccia dei fumetti che avevo deciso di acquistare, trovandoli.

La copertina di Candy Candy

La copertina di Geppo

E poi mi sono infilata nel padiglione delle mostre. Quella dell’artista francese Charlotte Gastaut, il cui talento si sviluppa tra moda e illustrazioni, mondi creativi diversi, colorati, sognanti. E il suo sogno arriva dai ricordi dell’infanzia, dai libri, dalla vita. Belli i pannelli di colore verde, che hanno messo ancora più in luce queste opere.

Nel tratto di Charlotte Gastaut tutto diventa magia. Con eleganza e raffinatezza questa meravigliosa illustratrice per l’infanzia ci porta all’interno del suo mondo. Ricordiamo che circa 60 suoi titoli sono stati tradotti in ben 12 paesi.

 

La produzione italiana  

La produzione italiana esce per Gallucci, casa editrice che ovviamente ha collaborato alla realizzazione di questa mostra. Abbiamo cosi “Il grande viaggio della piccola Angelica”, di cui cura sia il testo che i disegni, “Lilì nel lettone”, “La Sirenetta”, “Cenerentola”, “Storie delle mille e una notte”, “Il flauto magico”, “L’uccello di fuoco” e “Pollicina”. A Romics 2018 ha affidato l’anteprima del suo nuovo libro, “Giselle”, edito sempre da Gallucci, la storia di una giovane contadina che ama la danza e un principe destinato ad altra donna. 

Charlotte e la moda  

Fendi, Cacharel, Diptyque, L’Occitane, Van Clef et Arpels, Godiva, Hermès: sono alcuni dei marchi con cui Charlotte Gastaut ha collaborato. Addirittura un paio di anni fa Fendi aveva utilizzato le sue illustrazioni per la collezione Haute Couture. Una situazione che si è evoluta poi nel lancio di una propria marca di foulard di seta, la “Charlotte Gastaut Collections”.

Da Diabolik a Topolino  

In conclusione vi lascio con un servizio che ho fatto sulla mostra dedicata a Diabolik e su quella che ha visto protagonista l’autore Disney e Romics d’oro, Marco Gervasio. Clikkate qui sotto e lo vedrete

Ciaoooooo!!!!!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Related stories

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: