EVENTI / LIFESTYLE

MONDIALI VOLLEY: GIOIA AZZURRA

Share this post

Mondiali di pallavolo, è passione pura da parte del pubblico. Ieri sera la Nazionale italiana ci ha regalato la seconda vittoria consecutiva stracciando per 3-0 il Belgio. Occhi puntati su di lui, ovviamente: Ivan Zaytsev!!!! E’ stato il top scorer del match con 20 punti, di cui cinque ottenuti al servizio. E ora l’Italia è in testa al girone, da sola, grazie a questi due successi di cui il primo a Roma contro il Giappone.  Si torna in campo domani, sabato 15 settembre, contro l’Argentina di Julio Velasco. Diretta su Rai 2 alle 21.15.

Roma, Foro Italico: tutti in piedi per gli inni nazionali. E’ la prima partita dell’Italia: sta per affrontare il Giappone

Fashionview.it a Italia-Giappone  

La partita dei Mondiali, per Fashionview, in realtà rappresenta un’occasione per parlare delle ultime tendenze che circondano l’ambiente della pallavolo. Ciò che accade sugli spalti, infatti, è ben diverso da quello che accadeva anni fa. Il match è diventato un momento di coinvolgimento totale da parte del pubblico che, attivamente, fa il tifo per i propri beniamini grazie alla guida divertente dello speaker. Quando i tecnici chiamano il tempo, alla fine del set, addirittura tra un punto e l’altro: la voce ti guida, sulla base dei brani più cool dell’estate (o della storia) ma sempre belli “carichi” ed elettrizzanti, verso un tifo pazzesco, calorosissimo, ma sempre rispettoso degli avversari. Canti e balli, da sempre, rappresentano un deterrente contro le forme di violenza e scongiurano maggiormente i litigi. Ben venga, quindi, questa tendenza allenta tensione, creatrice di allegria. 

Il pubblico romano fa il tifo per gli Azzurri

Colori e passione

Magliette azzurre, ginocchiere, calzoncini, zainetti. Il tutto, ovviamente griffato Nazionale, per ricordare la serata indimenticabile trascorsa guardando gli Azzurri. E’ caccia al gadget all’esterno dell’impianto. Si vedono tanti ragazzi e ragazze, moltissimi di loro minorenni appassionatissimi della pallavolo. “Ho provato in tutti i modi a scendere dagli spalti perché volevo farmi un selfie con Zaytsev ma ero troppo lontana per riuscire a raggiungerlo. Ho visto, però, che alla fine della partita si è fermato parecchio con il pubblico. Mi sembra proprio simpatico”, spiega Valentina, 12 anni, mentre cammina con la mamma. Zaytsev gettonatissimo. Siamo in fila, anche noi, al merchandising, e intanto ascoltiamo le chiacchere. “Hai visto che schiacciate? -chiede un ragazzino ad un altro – bella, però, la maglietta. Speriamo di trovarla della mia misura”. 

Tendenza capelli 

Se negli anni Novanta c’era Andrea Lucchetta a dettare legge in fatto di tagli particolari, oggi sicuramente gli occhi sono tutti puntati su Zaytsev. Anche lui è particolarmente attento a questo aspetto.  Sopra sono a spazzola, più o meno lunghi. Ai lati gioca molto, tra rasature e disegni, collegamenti alla barba. L’atleta, insomma, appare curatissimo nella sua immagine. Una particolarità che lo rende sempre e comunque riconoscibile, anche da chi non è appassionato di pallavolo. Sicuramente da qui alla fine dei Mondiali riserverà belle e divertenti sorprese.Da copiare.   

 

Una fase di gioco di Italia – Giappone al Foro Italico

 

L’attacco di Ivan Zaytsev che supera il muro belga

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Related stories

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: